Digital Dentistry Society

CONGRESSO ITALIANO

Sala Chia 2


9 giugno 2022


10 CREDITI ADA CERP

MODERATORI: C. Mangano, E. Mijiritsky


Le Tecnologie Digitali nella pratica clinica quotidiana

In Odontoiatria nuovi strumenti digitali quali scanners intra e extra orali, tomografie computerizzate conebeam (CBCT), sistemi software per la progettazione e fabbricazione assistita da computer (CAD/CAM) sono entrati nei nostri studi. Innovative procedure di fabbricazione, quali la stampa 3D e la Laser Sinterizzazione, che stanno modificando il modo in cui curiamo i nostri pazienti. Di conseguenza, le procedure cliniche si stanno spostando verso flussi di lavoro completamente digitali, che possono essere utili in tutti i campi dell’Odontoiatria, dalla conservativa e protesi, alla chirurgia implantare fino all’ortodonzia.



9.00 - 9.15 | Introduzione

Carlo Mangano


9.30 - 10.00 | #SCAN! La clinica dentale nell’era digitale: Perché pensare al digitale e cosa sta cambiando?

Ioana Datcu

Le tecnologie digitali hanno un impatto sempre più importante sull’attività quotidiana nello studio dentistico pertanto la conoscenza delle loro potenzialità e del loro utilizzo è ormai una realtà necessaria.

Non ci sono dubbi che l’era digitale che stiamo vivendo stia comportando anche una rivoluzione all’interno dell’organizzazione dello studio odontoiatrico, determinando una radicale trasformazione dei flussi di lavoro e dei protocolli lavorativi che coinvolgono l’intero Team odontoiatra – assistente.

La conoscenza dei nuovi strumenti a disposizione, le loro varie funzionalità, l’interazione, i loro vantaggi ed i limiti possono fare la differenza nel migliorare la gestione dello studio dentistico ed implementare la sua efficacia nell’intento di offrire una sempre maggiore qualità in termini di tempo e prestazioni per i nostri pazienti.

La mia presentazione si propone di rispondere ad una serie d’interrogativi che oggigiorno colpiscono ciascun Team Odontoiatrico che vuole approcciarsi e capire in che cosa consiste la trasformazione digitale:
Perché iniziare a pensare digitale? Quali vantaggi? Come iniziare? Che cambiamenti dovrà affrontare lo staff odontoiatrico? Come cambia la gestione dello studio odontoiatrico? Quali benefici per i nostri pazienti?


10.00 - 10.30 | Immagini oltre l’immaginabile

Reinhilde Jacobs

La diagnostica per immagini si sta evolvendo rapidamente, nel frattempo e’ sempre piu importante nel lavoro quotidiano del dentista .
Infatti, l’introduzione dell’imaging 3D (CBCT, impronte digitali) e dell’odontoiatria digitale in generale, ha generato un nuovo equilibrio critico tra le varie discipline odontoiatriche, con un ruolo centrale cruciale per l’imaging dentomaxillofacciale. Inoltre, la rivoluzione in corso sta creando un cambio di paradigma, con la radiodiagnostica tradizionale come l’attività principale dei radiologi dentomaxillofacciali oggigiorno dispersa tra un vasto numero di strumenti basati sull’imaging e terapie che si adattano al modello di assistenza sanitaria orale digitale.
Ricercatori e clinici specialisti si sono di conseguenza mossi nella stessa direzione. Oggi più che mai hanno bisogno dell’imaging e non solo per la prima diagnosi. La crescente importanza dell’imaging maxillofacciale nell’assistenza sanitaria orale crea nuove sfide per gli specialisti DMFR in tutto il mondo.
La creazione virtuale del paziente e l’intelligenza artificiale (radiomica) sono dietro l’angolo. Pertanto, potrebbe essere necessario ridefinire le competenze cliniche e tentare di rendere la formazione più inclusiva. Eppure e di sicuro, alcune delle sfide rivoluzionarie potrebbero rimanere oltre l’immaginazione

10.30 - 11.00 | L’impronta ottica nella Full Arch su impianti: le chiavi del successo

Francesco Mangano

Nell’impronta per la full arch su impianti, l’uso di scanner intraorali è ancora considerato una sfida. Tuttavia, oggi è possibile, a condizione che l’operatore abbia familiarità con i fattori chiave nel determinare la qualità dell’impronta. Questi fattori sono:
1. l’accuratezza intrinseca dello scanner;
2. la strategia di scansione e l’esperienza dell’operatore;
3. il numero, la posizione, l’inclinazione e la profondità degli impianti;
4. le condizioni ambientali;
5. il tipo di scanbody scelto;
6. la congruenza tra la mesh dello scanbody e la libreria dell’impianto.
In questa conferenza, il relatore riferirà su tutti questi fattori, e sulla loro influenza nel determinare la qualità finale dell’impronta.


11.00 - 11.30 | Pausa Caffè


11.30 - 12.00 | #PLAN! Chirurgia guidata: l’importanza della pianificazione

Fabrizia Luongo

L’introduzione di macchinari tecnologicamente avanzati nelle procedure di riabilitazione implantare ha enormemente modificato il modo in cui approcciamo i nostri casi, a partire dall’acquisizione dei dati fino all’esecuzione dell’intero trattamento.

È ormai indubbio che l’uso di queste moderne apparecchiature come la CBCT, gli scanner intraorali, gli scanner facciali e i software di pianificazione virtuale aiuti il clinico ad avere una maggiore predicibilità del trattamento in entrambe gli aspetti, funzionale ed estetico. Allo stesso tempo è estremamente importante imparare correttamente l’uso di questi potenti ed avanzati sistemi per poterne ricavare tutti i loro vantaggi e conoscerne anche i limiti. Anche nelle mani di esperti occorre seguire una precisa curva di apprendimento.
Il relatore mostrerà semplici regole di base per un corretto approccio a queste nuove tecnologie.


12.00 - 12.30 | Tecnologia digitale per i disturbi della ATM

Simona Tecco, Alessandro Nota

Nella riabilitazione gnatologica di un paziente, il riposizionamento del condilo può essere cruciale per evitare un carico inappropriato sull’area retrodiscale dell’articolazione temporomandibolare. Tuttavia, stabilire una nuova posizione del condilo all’interno della cavità glenoidea non è una procedura semplice e in letteratura esistono diverse indicazioni cliniche. Le tecniche digitali e la visualizzazione 3D tramite CBCT possono aiutare e l’analisi del movimento mandibolare con una visualizzazione in tempo reale completa l’approccio con una gestione 4D. In questo scenario, queste procedure cliniche sono descritte dai Relatori sulla base dei concetti basati sull’evidenza scientifica per l’approccio gnatologico, utilizzando software e tecnologie di recente introduzione.


12.30 - 14.00 | Pausa Pranzo


14.00 - 14.30 | #MAKE! Applicazione dell’intelligenza artificiale nella tecnologia digitale

Henriette Lerner

Tutte le tecnologie digitale sono validate da parametri di veridicità, precisione, accuratezza e congruita’. L’intelligenza artificiale è uno strumento intelligente che gioca un ruolo importante in molte tecnologie, minimizzando gli errori e accorciando le procedure di pianificazione, matching e produzione. Presenteremo lo stato dell’arte dei dati attuali e la loro applicazione nei casi clinici complessi.


14.30 - 15.00 | Realtà aumentata per la comunicazione 3D in Odontoiatria

Matteo Valoriani

15.00 - 15.30 | Pausa Caffè


15.30 - 16.00 | #DONE! Il flusso di lavoro digitale su denti e impianti nei casi con alto valore estetico

Stefano Granata

Le nuove tecnologie digitali stanno portando la Protesi e la Chirurgia verso nuovi flussi di lavoro. Il dentista si trova di fronte a nuove prospettive, scelte difficili, che sono determinanti per il futuro della professione. La relazione è focalizzata sulla clinica digitale di oggi e del futuro, dal mock-up digitale all’impronta digitale, dalla chirurgia computer guidata allo scanner facciale.

16.00 - 16.30 | Mesh su misura per la rigenerazione ossea

Alessandro Cucchi

I difetti ossei delle creste alveolari sono considerati una delle principali limitazioni al raggiungimento di una riabilitazione implanto-protesica con elevata valenza estetica e stabilità nel tempo. La rigenerazione ossea guidata (GBR) può essere considerato come una delle soluzioni più predicibili per l’incremento dei volumi ossei delle creste alveolari. Molti autori infatti hanno dimostrato la predicibilità delle membrane non-riassorbibili o delle griglie in titanio. Queste tecniche possono oggi essere considerate il gold standard nella chirurgia ossea ricostruttiva per 3 importanti ragioni: l’adattabilità, l’efficacia, e soprattutto la stabilità nel tempo. Tuttavia, l’uso di queste barriere è una procedura non priva di difficoltà e complicanze, tanto da essere considerato esperienza-dipendente, tecnica-dipendente, e quindi operatore-dipendente. Per queste ragioni, è importante fare la scelta giusta in termini di biomateriali e approccio chirurgico. Recentemente, alcuni autori hanno introdotto una tecnologia innovativa in GBR, ovvero le griglie in titanio customizzate. Le caratteristiche di queste barriere possono essere diverse a seconda della morfologia e dell’estensione del difetto osseo nonché delle preferenze di ciascun clinico. Quali sono le maggiori novità riguardati le griglie customizzate?


16.30 - 17.00 | Approccio digitale in ortodonzia

Giuseppe Marano

Oggigiorno l’odontoiatria sta evolvendo sempre più verso la minima invasività in ogni campo, dalla chirurgia alla protesi passando per la conservativa, col fine ultimo di salvaguardare quanto più possibile le strutture originariamente sane.
In quest’ottica, la pianificazione della correzione pretrattamento di eventuali discrepanze dentali per mezzo di aligner trasparenti permette al clinico di essere quanto più conservativo possibile.
L’inserimento poi di un simile metodo in un flusso digitale consente la visualizzazione del risultato ancor prima di iniziare il trattamento.
Il relatore discuterà piani di trattamento completi integrati con la terapia con allineatori trasparenti, offrendo così ai pazienti risultati ancora migliori grazie all’ausilio della tecnologia digitale.


17.00 - 18.30 | Workshop demo live: flusso di lavoro completamente digitale

Milos Miladinov, Tommaso Porrà


Chia Italian Congress Program

banner promo AIO 2022

whatsapp


Contatti Privacy e cookies policy
© 2020 – AIO Associazione Italiana Odontoiatri
Via San Giovanni 97 – 09100 Cagliari
Partita IVA 03675540920
Webmaster by Mobilbyte